Home Notizie dalla League PokéQuark #2 – Cradily, l’antico predatore dei mari.

PokéQuark #2 – Cradily, l’antico predatore dei mari.

182
PokéQuark #2 - Cradily
PokéQuark #2 - Cradily

Benvenuti al secondo capitolo della rubrica PokéQuark, dove tratteremo di una creatura dalle antiche origini: Cradily.

CARATTERISTICHE FISICHE 

Cradily è un Pokémon di tipo Roccia/Erba conosciuto in terza generazione nella regione di Hoenn.
Il suo corpo si sviluppa in maniera molto particolare: la parte inferiore è particolarmente  tozza e presenta quattro zampe molto corte.
Il collo, invece, è lungo e sinuoso, e sorregge una testa decorata da una corona di tentacoli rosa. Sulla testa e sulla pancia presenta dei cerchi gialli, mentre nella parte intermedia del collo vi è una specie di collare calcificato che permette alla creatura di muovere la testa liberamente in ogni direzione.

Cradily normale
Cradily cromatico

 

 

 

 

 

SEGNI PARTICOLARI

Cradily è Pokémon antico, originariamente estinto, ma è stato riportato in vita dagli scienziati di Hoenn tramite il Radifossile.
È un creatura rara, che vive nei bassi fondali marini, anche se il tipo Acqua non è presente nel suo typing.
Nella sua versione cromatica, sfrutta il cangiante manto per attirare a sé le prede.

CURIOSITA’

  • Nella 3° e 4° generazione i tentacoli di Cradily erano arancioni, differenti quindi da quelli rosa che noi oggi conosciamo;
  • Insieme alla sua pre-evoluzione Lileep, Cradily è l’unico Pokémon essere di tipo Roccia/Erba.

ETIMOLOGIA

Il suo nome deriva dall’inglese “crag” (dirupo) e “lily” (giglio).

UN PESCE FUOR D’ACQUA

Il suo doppio tipo Roccia/Erba può ingannarci sulle origini di Cradily; infatti questa creatura deve la sua vita al mare.
Il nostro mostriciattolo, infatti, è ispirato ai Crinoidi, animali appartenenti alla classe degli echinodermi (la stessa delle stelle marine).
Essi sono comunemente chiamati “Gigli di mare” e gli esemplari da cui prende spunto Cradily sono ormai estinti.
Inoltre i crinoidi vivono nella zona litorale del mare, quindi a basse profondità, precisamente ancorati sulla barriera corallina o su dirupi rocciosi.
Le somiglianze di certo non mancano e ogni tessera del puzzle si incastra perfettamente restituendoci una quadro immaginario di una creatura realmente esistita.

Fossile di Crinoide
Radifossile

 

 

 

 

 

 

 

 

Allenatori, cosa ne pensate di Cradily dopo la nostra analisi? Fatecelo sapere qui sotto nei commenti oppure nel nostro gruppo Telegram Italian League.
Per rimanere aggiornati, invece, con l’uscita settimanale di PokéQuark o qualsiasi notizia riguardante Pokémon Go, eccovi il nostro canale Telegram ufficiale!

Alla prossima puntata!

Italian League